fbpx

#Iocisonoetu arriva all’Arena di Milano il 17 18 19 Maggio dalle 9.00 a mezzanotte tutti i giorni, con un carico di sport eccezionale, avendo organizzato decine di eventi di calcio basket volley e atletica.

Sarà una tre giorni di festa e di riflessione, d’incontro e di dialogo, di espressione e di coinvolgimento, di agonismo e divertimento.

Migliaia di ragazzi, decine di scuole, si cimenteranno nell’esercizio più difficile dell’era contemporanea: stare insieme provando a divertirsi, senza mediazioni social, nella convinzione che il mondo virtuale verrà soltanto dopo, quando al termine dell’evento i momenti gustati e vissuti insieme si coniugheranno al passato. Solo allora l’uso del telefono che avrà fermato con delle istantanee i momenti più significativi, evocherà la virtualità dei momenti condivisi.

Per l’evento #Iocisonoetu, all’interno del Palazzo Fai, nella sala Appiani e nelle due “edicole” allestite per l’occasione, si alterneranno una sessantina di dibattiti sui temi prescelti quest’anno: il bullismo, il cyberbullismo, la violenza di genere ed il razzismo. Un’opportunità per confrontarsi, per stare insieme, per dialogare su alcuni fenomeni che contraddistinguono quest’epoca storica e sono il ricalco del disagio umano, dello spleen che ci portiamo dentro, a qualunque età.

Per questo mettere insieme l’associazionismo lombardo, la società civile , il mondo politico, tutto insieme, costituisce uno straordinario vettore per provare ad indagare le cause del nostro presente storico e, interrogandoci, provare a capire i perché della nostra fragilità quotidiana che certi comportamenti dei giovani e dei non più giovani, possono declinare attraverso l’incontro e lo scambio dialettico, propedeutici ad una feconda comprensione della complessità sociale.

Sarà importante anche misurare la partecipazione del pubblico, sia da un punto di vista ludico, sia da un punto di vista pratico -intellettuale, verificando nell’esserci, la misura reale di voler appartenere ad una comunità che si pone quesiti e cerca risposte alla comprensione del sé, individuale e collettivo.

#Iocisonoetu, un esercizio, non una velleità narcisistica. Un tentativo ipotetico di provare a credere che la misura della felicità sia data dal senso di un’appartenza collettiva che mutui le aspirazioni in azioni concrete, in una felice mescolanza creativa, dove dalle antitesi, dalla diversità che si confronta, possa gemmare umanità.

Comunque la pensiate, vi aspettiamo numerosi. Io ci sono. E tu?

Leggi anche: https://www.milano-positiva.it/2019/05/03/milano-positiva-arriva-iocisonoetu-2/